La giurisdizione sulle domande di affidamento e mantenimento dei figli.

La giurisdizione sulle domande relative all’affidamento dei figli ed al loro mantenimento, anche quando proposte congiuntamente a quella di separazione, appartiene al giudice del luogo in cui il minore risiede abitualmente a norma dell’art.8 del Reg. CE n. 2201/2003.

Il principio, già espresso dalle Sezioni Unite della Cassazione con la sentenza n. 30646/2011,  è stato confermato dalla Cassazione civile con Ordinanza 11 giugno 2019, n. 15728.

La Corte ha precisato che questo principio va esteso anche all’ipotesi di divorzio nello specifico senso che,  nel caso in cui, nel giudizio di divorzio introdotto innanzi al giudice italiano, siano avanzate domande sulla responsabilita’ genitoriale (relative all’affidamento o al diritto di visita) e al mantenimento di figli minori “solo se i figli non siano al momento residenti abitualmente in Italia soccorre il criterio della residenza abituale dei minori”, al fine di salvaguardare l’interesse superiore e preminente dei medesimi a che i provvedimenti che li riguardano siano adottati dal giudice piu’ vicino al luogo di residenza effettiva degli stessi, e di realizzare, cosi’, la tendenziale concentrazione di tutte le azioni li riguardano.

Avv. Carmela Ruggeri

http://www.studioruggeri.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...