Opposizione a decreto ingiuntivo e condizioni di ammissibilità del decreto

La Corte di Cassazione con Ordinanza 16 luglio 2020, n. 15224 è tornata ad occuparsi del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo confermando che l’opposizione non e’ un’impugnazione del decreto rivolta a farne valere vizi oppure originarie ragioni di invalidita’, ma introduce un ordinario giudizio di cognizione, diretto all’accertamento dell’esistenza del diritto di credito azionato dal creditore con il ricorso ex articoli 633 c.p.c.

La sentenza che decide il giudizio – afferma la Corte – deve accogliere la domanda del creditore istante, rigettando conseguentemente l’opposizione, ogni qual volta si riscontri che i fatti costitutivi del diritto fatto valere in sede monitoria, anche se non sussistenti al momento della proposizione del ricorso o della emissione del decreto, sussistono in quello, successivo, della decisione.

L’opponente – precisa ancora la Cassazione – e’ privo di adeguato interesse a dolersi del fatto che la sentenza impugnata, nel rigettare l’opposizione, non abbia tenuto conto del difetto di una delle condizioni originarie di ammissibilita’ del decreto ingiuntivo, quando tale condizione, in realta’, sia maturata immediatamente dopo e, comunque, prima della definizione del giudizio di opposizione.

Avvocato Carmela Ruggeri – Vicenza

http://www.studioruggeri.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...