Beneficio di preventiva escussione del patrimonio sociale

L’articolo 2304 del codice civile stabilisce che i creditori sociali, anche se la società è in liquidazione, non possono pretendere il pagamento dai singoli soci, se non dopo l’escussione del patrimonio sociale.

Qual’è la portata del beneficio di preventiva escussione del patrimonio sociale enunciato dall’articolo 2304 c.c.?

E’ tornata ad occuparsi della questione la Cassazione civile con Ordinanza 16 ottobre 2020, n. 22629 confermando il principio consolidato secondo il quale il beneficio d’escussione previsto dall’art. 2304 c.c. ha efficacia limitatamente alla fase esecutiva nel senso che il creditore sociale non può procedere coattivamente a carico del socio se non dopo avere agito infruttuosamente sui beni della società.

Il beneficio di preventiva escussione, afferma la Corte, non impedisce, viceversa, allo stesso creditore d’agire in sede di cognizione per procurarsi uno specifico titolo esecutivo nei confronti del socio, sia al fine di iscrivere ipoteca giudiziale sugli immobili di quest’ultimo, sia per agire in via esecutiva contro il medesimo, immediatamente, una volta che il patrimonio sociale risulti incapiente o insufficiente al soddisfacimento del suo credito.

Avv. Carmela Ruggeri

http://www.studioruggeri.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...